RIFLESSOLOGO PLANTARE RICEVO PRIVATAMENTE PRESSO I SEGUENTI CENTRI:
Centro Medico Dott. Stefano Fattore in Via Tiziano, 9/11 a Milano zona City-life (metro rossa - fermata Buonarroti) per le patologie sotto elencate.
Studio Medico Polispecialistico di Assago in Via Roma, 2 ad Assago (MI) per la cura professionale degli Acufeni, Vertigini e Sordità.
Studio Medico-Olistico: Le Onde che Curano, Tecnologie Elettromagnetiche dalla Diagnosi alla Ricerca e Cura del Tumore - Piazza Piemonte (Via Cuneo 4), Milano
Centri Medici opportunamente sanificati ed adattati alle severe norme governative per esercitare in sicurezza!!!
[ A MILANO MI RECO A DOMICILIO ]
LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE INTEGRATA CON LA BIORISONANZA E MEDICINA FUNZIONALE HA DIMOSTRATO SCIENTIFICAMENTE
GRANDE EFFICACIA NEL RECUPERO FISIOLOGICO ED ORGANICO DELLE CONSEGUENZE DI EVENTI CARDIOVASCOLARI QUALI ISCHEMIE, INFARTI ED ICTUS.

La Riflessologia plantare è una disciplina che affonda le sue radici nella Medicina tradizionale cinese e che consiste nella stimolazione mirata di alcuni punti del corpo attraversati da quelli che vengono definiti meridiani energetici. La più nota delle riflessologie esistenti, e forse anche la più efficace è quella del piede, parte del corpo ricchissima di terminazioni nervose che ben si prestano a essere stimolate e massaggiate.

Nella Riflessologia plantare l'uomo è paragonato all’albero: infatti i piedi sono rappresentati dalle radici, la colonna vertebrale dal tronco e il volto, la parte più vicino alla luce solare, dalle fronde. Secondo questa disciplina il piede regge il microcosmo dell’essere umano e per questo deve essere sano e stabile. I piedi, al pari delle mani, viso ed orecchie, sedi di una grande quantità di terminazioni nevose (7.200), sarebbero gli organi più adatti a riflettere tutti gli altri organi del corpo in virtù proprio di queste terminazioni. Sui piedi troveremmo dunque tutti i punti riflessi degli organi interni, della colonna vertebrale e delle ossa.

Ogni terapia parte dall’osservazione del paziente, dalla sua postura e dal suo modo di camminare. Nello specifico, ovviamente, si osservano i piedi, la loro posizione, le loro tensioni e la loro forma. Per fare un esempio i piedi simmetrici, cioè quelli che assumono un'inclinazione uguale a 45°, indicano una situazione di rilassatezza, mentre se la testa è piegata a sinistra e il piede sinistro è abdotto (si allontana dal piano mediano), significa che c’è una tensione sul lato sinistro. La terapia riflessologica è costituita da diversi momenti. Ricerca dei punti dolenti: attraverso una risposta più o meno dolorosa da parte del pazionete, si identificano le parti da trattare; Trattamento per il riequilibrio generale, personalizzato per ogni paziente, focalizzato sui punti più dolenti. Generalmente una seduta di riflessologia plantare ha una durata di circa 45 minuti per un ciclo di 10-12 trattamenti.

NON CI SONO CONTROINDICAZIONI

Durante il massaggio del piede, le terminazioni nervose afferenti inviano impulsi elettrici direttamente al cervello, il quale provvede a gestirli, decodificarli e a trasformarli in componenti chimici da inviare agli organi bersaglio.

visione plantare zoom visione dorsale zoom
visione laterale interna zoom visione laterale esterna zoom

Un massaggio veloce e leggero determina una reazione chimica acida che comporta un rilassamento dei tessuti o degli organi più contratti e appesantiti. Un massaggio lento e profondo (la pressione genera calore) determina una tonificazione dei tessuti per il recupero degli organi o apparati. Dal punto di vista "morfologico" si possono interpretare sul piede i segnali in carenza o in eccesso rispetto a un "piede ideale", come manifestazione dell'alterazione nella dislocazione dell'area riflessa corrispondente sul corpo.

Durante l'analisi riflessologica del piede, si considerano elementi in eccesso ad esempio le callosità, il calore, i gonfiori per stagnazione linfatica e le rigidità muscolari; sono considerati elementi di carenza manifestazioni come avallamenti e rughe, cedimenti tessutali, lassità legamentose e estremità fredde.

Dal punto di vista delle discipline olistiche e bionaturali, la sofferenza di una persona può essere ricondotta sostanzialmente a tre origini diverse:

  • Organica, quando dovuta ad esempio utilizzo di farmaci necessari ma con considerevoli effetti collaterali, errati regimi alimentari, infezioni batteriche o virali.

  • Energetica, se un problema si acutizza in corrispondenza del cambio delle stagioni o in presenza di energie cosmo-patogene avverse.

  • Psico-somatica, quando le emozioni, gli atteggiamenti, i condizionamenti sono vissuti da una persona con un disagio così importante da strutturarsi in problematiche effettive nell'organismo.

I meridiani, caposaldo della Medicina Tradizionale Cinese (MTC), sono un sistema di percorsi energetici che disegnano una rete virtuale sulla superficie del corpo. I meridiani principali sono 12 e assumono la denominazione dagli organi (6 riguardano gli organi pieni e 6 i visceri). Su ogni piede partono e arrivano sei meridiani, tre che riguardano gli organi e tre che riguardano i visceri.